fbpx
  • LOGIN
  • Nessun prodotto nel carrello.

Libro in omaggio: La strana magia del cugino Pino. (indica nelle note l’indirizzo di spedizione). valido solo in Italia.

ATTESTATO DA 10 ORE

Valido per la formazione e aggiornamento degli insegnanti.

CODICE SOFIA 37265


 

Acquistandoli tutti e cinque, ne avrai uno in omaggio

 

 

Acquistali tutti 

 

Il corso online «La strana magia del cugino Pino» è una guida in 14 video per insegnanti ed educatori, con schede d’immediata applicazione in classe commentate dalla Dr.ssa Raffaela D’Alterio, Pedagogista Clinico e Danzamovimentoterapeuta in Artedo, coautrice con la Prof.ssa Rosa Liccardo del libro omonimo, pensato per l’integrazione della didattica curricolare del primo ciclo con l’educazione alle emozioni e all’intelligenza emotiva a scuola. Si tratta di un testo innovativo (che nel video corso viene illustrato e spiegato) che coniuga gli insegnamenti per i bambini della primaria con modalità nuove di apprendimento. Obiettivo è valorizzare il gioco creativo e le implicazioni emotive che si rivelano determinanti per imparare bene.

Il video corso diventa, allora, una formazione per i docenti all’applicazione esperienziale, alla messa in pratica delle attività proposte nel libro.

In aggiunta alle attività del testo di riferimento (che è bene che sia nella disponibilità di insegnanti e bambini), la relatrice illustra ulteriori attività derivate, per incoraggiare la creatività degli educatori a produrre nuove idee, in forma di gioco, per una didattica inclusiva e realmente orientata ad insegnare con intelligenza emotiva.

Programma del Corso

Schede didattiche
La strana magia del cugino Pino – Introduzione part.1 FREE 00:05:00
La strana magia del cugino Pino – Introduzione part.2 FREE 00:05:00
La strana magia del cugino Pino – Introduzione part.3 FREE 00:07:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 2 00:06:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 3 00:13:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 4 00:09:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 5 00:07:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 6 00:11:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 7 00:08:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 8 00:07:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 9 00:08:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 10 00:06:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 11 00:08:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 12 00:06:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 13 00:07:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 14 00:05:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 15 00:04:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 16 00:09:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 17 00:09:00
La strana magia del cugino Pino – Scheda 18 00:10:00

Recensioni del corso

4.9

4.9
14 recensioni
  • 5 stelle12
  • 4 stelle2
  • 3 stelle0
  • 2 stelle0
  • 1 stelle0
  1. Educazione emotiva alla primaria vol. 2 Abbinato al testo per la didattica curriculare "La strana magia del cugino Pino"

    5

    Ho trovato questo corso molto interessante. La prima parte l’ho svolta in presenza presso la sede Arte.do di Carpi ma, causa corona virus, abbiamo dovuto sospendere gli incontri. Devo dire che sia in presenza che online le relatrici sono state molto chiare, esaurienti e hanno esposto nei migliori dei modi. Sono una insegnante della scuola primaria e, quando rientreremo, inizierò volentieri questo percorso di educazione emozionale. Molto bello.
    Lauria Elisa

  2. ottimo corso

    5

    Dopo aver frequentato il corso abbinato al testo “Colorandia” per l’infanzia, ho ritrovato anche in questo corso spunti e approfondimenti importanti, esposti con grande sensibilità e professionalità.

  3. consigliatissimo!!!

    5

    In vista della nuova ora di educazione civica, introdotta dal Ministero dell’Istruzione per l’anno scolastico che inizierà a settembre, questo corso è un validissimo supporto per l’insegnante per poter sviluppare un percorso dedicato a tutti gli ambiti di questa disciplina.
    Partendo da una bella storia per bambini, l’insegnante troverà spunti per allacciarsi all’educazione nel suo senso più esteso, includendo l’alimentazione, la legalità, l’affettività, per citare alcuni temi; tutto ciò con attività divertenti e concrete da svolgere in classe. Le spiegazioni delle attività sono espresse in maniera chiara e semplice.
    Anche le materie di insegnamento vengono coinvolte nelle attività del libro, collegando così le diverse discipline e creando un filo conduttore che può essere seguito durante tutto l’anno scolastico.
    All’interno della classe, seguendo lo svolgimento del racconto, non mancheranno momenti di divertimento e di condivisione, senza tralasciare gli obiettivi principali, quali l’alfabetizzazione emotiva, la creatività e il piacere di vivere la scuola.

  4. CORSO MOLTO INTERESSANTE

    5

    Il corso è un ottimo strumento di approfondimento dell’omonimo libro La strana magia del cugino Pino. Ogni argomento, ogni scheda viene approfondita, oltre dalla magistrale spiegazione della dr.ssa D’Alterio, anche dagli spunti che la stessa fornisce come possibili attività da proporre nei vari campi.
    Dall’introduzione, dall’attività sulla tristezza, rabbia e dispiacere, dall’inganno, dalla paura, alla vergogna, per finire alla gioia e alla felicità, viene intrapreso tutto un percorso guidato dal testo, dalla fiaba, che sottolinea e spiega, sempre in modo approfondito le modalità di svolgimento delle attività, da curare nei minimi particolari.
    Molto bello il lavoro sulle emozioni con l’utilizzo dei colori. Lavoro da sviluppare in gruppi, come suggerito dalla dott.ssa, come condivisione di spazi e materiali, magari su grandi cartelloni. Splendida anche l’idea dello scrigno, che rimanda a qualcosa di prezioso…l’idea di farlo realizzare dai ragazzi con oggetti preziosi della loro vita, quindi un oggetto prezioso per tutti, è molto emozionante. Emozionante anche l’approfondimento sulla solitudine e disperazione…essere molto empatici e quindi propensi all’ascolto. Anche gli spunti sull’uso delle Arti Terapie in questo contesto è molto interessante.
    Tanti sono i punti che vengono trattati in questo corso e, come dicevo approfonditi, che daranno modo ai docenti di catturare l’attenzione dei ragazzi. Elisabetta Procopio.

  5. La strana magia del cugino Pino

    5

    Il corso online abbinato al testo La strana magia del cugino Pino parla di educazione all’affettività intesa come contenitore che lega tutte le emozioni insieme. Lo spunto per parlare di emozioni è dato da una storia che fa da sfondo integratore nella lettura della quale il bambino si può avventurare per esplorare se stesso: la musica, che accompagna ogni attività consigliata, crea un’atmosfera e un confine entro cui vivere le emozioni che via a via emergono nel procedere del racconto e, unitamente alle esperienze corporee suggerite dal corso, offrono l’opportunità per insegnanti, educatori e genitori di supportare il bambino verso la consapevolezza del proprio modo di vivere interiormente le esperienze.Interessanti sono le proposte operative che suggeriscono di accostare le emozioni ai colori, i quali per loro caratteristica intrinseca, sono capaci di veicolare il nostro umore e quindi il nostro modo di percepire la realtà esterna, come altrettanto accattivanti sono le proposte riguardo l’utilizzo del fumetto per riflettere sui diversi canali verbali e non verbali della comunicazione.Nel complesso il corso fornisce una panoramica esaustiva riguardo le emozioni primarie e secondarie, all’interno di percorsi di approfondimento che investono tematiche riguardanti l’educazione stradale, alimentare e civica, accompagnando per mano il bambino verso una esplorazione di sè e dell’altrui sentire, coniugando attività di collaborazione e cooperazione di gruppo a momenti di riflessione creativa individuale.

  6. DISCIPLINE SCOLASTICHE ED EDUCAZIONE CIVICA

    5

    Insegnare le consuete discipline e contemporaneamente svolgere educazione civica, imparando a gestire situazioni critiche che frequentemente accadono nelle nostre classi, diventa possibile!
    “La strana magia del cugino Pino” infatti è un percorso strettamente agganciato allo svolgimento delle discipline scolastiche, ma che suggerisce all’insegnante modalità creative ed innovative per aiutare i bambini a familiarizzare con le emozioni proprie ed altrui, rendendo non solo l’insegnamento diverso, più stimolante per i ragazzi e per noi stessi insegnanti, ma anche gettando contemporaneamente le basi di un’educazione civica che sviluppa cittadini consapevoli, sensibili e partecipi.
    Come è possibile raggiungere tutto ciò in una sola proposta? Semplice…Con la magia!!
    Attraverso infatti la storia fantastica del cugino Pino che fa da sottofondo narrativo, l’insegnante, nello svolgere le proprie discipline, può anche affrontare in modo “leggero” e coinvolgente emozioni forti come la solitudine provocata dalla mancata comprensione di una sofferenza drammatica, che il protagonista sa esprimere semplicemente piangendo; un pianto irrefrenabile che spaventa e disorienta lo spettatore, tanto da allontanare e lasciare solo chi in quel momento avrebbe proprio il bisogno contrario di essere accolto. Quante volte succede nelle nostre classi…
    E allora? Come e che cosa fare? Entra in gioco la magia!!
    Il senso di amicizia e di solidarietà viene infatti proposto come un potere magico, come capacità di fare del bene e di aiutare a risolvere il problema di un altro facendosene carico! Quanto può essere significativo trasmettere in questo modo ai nostri bambini, anche ai più piccoli, questi valori di CONVIVENZA CIVILE!

  7. Scoperte tra emozioni e immaginazione

    5

    Inizia con un invito ad utilizzare l’immaginazione questo corso che segue le vicende del protagonista , risvegliare la curiosità viene sottolineato, è sicuramente uno dei modi per accendere e sviluppare la motivazione nei ragazzi. Il viaggio attraverso le emozioni è affrontato prendendo esempio dalla fiaba ma approfondito attraverso esperienze e punti di vista dei bambini accompagnati dall’adulto nella discussione aperta. La spinta all’elaborazione, al gioco per un apprendimento che accolga e faccia emergere le risorse dal dentro al fuori con un invito ad accogliere e a permettere la fruizione della conoscenza attraverso trasformazioni nella modalità di approccio agli argomenti. Vivere fisicamente le emozioni significa entrare dentro le storie che diventeranno bagaglio di consapevolezza per uno sviluppo cognitivo ed emozionale duraturo. Individuare i temi emergenti e dare un’attenzione anche alla fascia di età, significa predisporsi con apertura ai bisogni personali, fare esperienza di gruppo, sperimentazioni pratiche, attenzione ai particolari. Le schede invitano ad utilizzare i colori, creando associazioni legate al tipo di emozione, affronta i temi del racconto con delle riflessioni legate al ricordo, alla possibilità di mettere in forma eventi significativi. Quindi elementi di Arte e immagine, educazione alimentare, civica ed emotiva solo per fare alcuni esempi, nell’insieme delle proposte disciplinari curriculari presenti. Man mano che si susseguono le vicende, si cerca di rafforzare il senso dell’ immedesimazione e dell’empatia approcciando con gradualità ad aspetti che più possono determinare il modo di essere e di fare individuale.

  8. La strana magia? sarebbe quella di perdersi questo corso....quindi....immersione!!

    4

    Il corso de’ LA STRANA MAGIA DEL CUGINO PINO, è un ulteriore percorso in chiave fiabesca, che si articola sulla descrizione tecnica, ma molto scorrevole, di schede di lavoro per un modo nuovo di concepire la didattica nella scuola primaria. Una didattica creativa, dinamica, coinvolgente sia fisicamente che cognitivamente, per gli allievi della scuola primaria. Scorrevole ed intuitiva la gestione delle varie argomentazioni del testo, la quale si presta a tantissime possibilità di spaziare dall’arte alla musica fino al movimento. Sorprendente il numero di materie che possono essere collegate ad una fiaba come questa: Ed. Civica, Ed. Emozionale, storia, geografia e tanto altro ancora.

  9. L'iimersione nel mondomagico delle emozini

    5

    Il corso propone una metodologia didattica innovativa costituita da efficaci spiegazioni e materiale pronto all’uso, agevole, in un’ottica interdisciplinare, ricco di spunti per imparare divertendosi e favorire un apprendimento duraturo.
    Il focus del lavoro è l’educazione socio emotiva; tutto ciò che proviamo rimane dentro di noi e ne lascia una traccia. Così accade ai bambini a scuola, il ricordo di una maestra influenzerà la propria autostima, il senso di autoefficacia ed il rapporto che successivamente avrà il piccolo con la scuola, sappiamo infatti che le esperienze legate al passato e rievocate dalla memoria influenzano il presente.
    Il percorso offre anche uno spunto di riflessione sul proprio grado di intelligenza emotiva per genitori ed insegnanti e sul proprio stile di insegnamento, per comprendere che per il successo formativo sia fondamentale l’ascolto e la realizzazione di un’alleanza con l’alunno.
    Il testo, con in linguaggio semplice ed accattivante, offre numerosi spunti per un lavoro basato sull’interdisciplinarietà, attraverso la creatività e compiti di realtà che in maniera efficace stimolano la motivazione dell’alunno, il problem solving e l’apprendimento efficace.
    Attraverso la magia della storia che è alla base del testo, “La strana storia del cugino Pino”, il bambino entra in contatto con il proprio mondo interiore ed emotivo, si riconosce ed identifica con i vari personaggi ed arriva ad apprendere in maniera giocosa anche gli apprendimenti più complessi.

  10. Famiglia, amicizia, rispetto del prossimo, aiutare i tuoi simili.... i valori della vita

    4

    Un corso ricco di argomenti da trattare con i bambini. Tanti valori della vita sono trattati in poche righe. Ottima la spiegazione della dottoressa D’Alterio. La storia del polpo, della sua solitudine, la mancanza di opportunità di crescita a causa degli ordini del Re Cernia, rappresentano i numerosi squilibri sociali presenti nel nostro mondo. L’importanza della coscienza sociale, dell’educazione sociale, della necessità di una coscienza civica, rende necessario formare i nostri giovani affinchè il futuro della terra sia garantito. Sono veramente contenta di far parte di una comunity che contribuisce ad accrescere i valori della vita.

  11. Da non perdere

    5

    Consiglio caldamente questo video corso non solo ai docenti, ma anche ad educatori, pedagogisti e
    genitori.
    Infatti, seppur indirizzato prevalentemente al lavoro con i bambini dai 6 agli 8 anni, la storia e le
    attività operative sono pensate per una fascia di età molto ampia e si prestano bene per essere adottate
    in tutte le classi della scuola primaria.
    La Strana Magia del Cugino Pino riesce ad unire con successo processi di alfabetizzazione emotiva
    alla didattica curriculare. Offre tantissimi spunti operativi su cui lavorare e non solo. Fin
    dall’introduzione, la dottoressa D’Alterio accompagna i fruitori della formazione alla scoperta delle
    schede e fornisce dei preamboli di riflessione sull’importanza delle emozioni, sul loro ruolo e sullo
    stretto rapporto con l’apprendimento. Oltre all’educazione emotiva, il video corso affronta anche
    l’educazione alimentare, stradale, civica etc.. Parole d’ordine come creatività e fantasia fanno da
    sfondo alle videolezioni che forniscono tante proposte concrete e molteplici spunti su come consentire
    l’espressività creativa sia con il lavoro individuale sia con quello in gruppo, favorendo la
    cooperazione tra i bambini.

  12. Chi è il cugino Pino?

    5

    Il corso sul libro “La strana storia del cugino Pino” presenta una componente innovativa: la musica come contenitore naturale di emozioni e apprendimenti. Si fa chiaro riferimento a quanto sia importante esplorare le emozioni dentro di se’ poiché tutto quello che proviamo crea delle memorie che restano nel nostro sentire, anche se sopite, che riaffiorano quando una situazione rievoca la stessa emozione, bella o brutta che sia, per questo diviene fondamentale associare allo studio memorie positive, collegare agli insegnamenti dei bei ricordi,anche dei singoli insegnanti. Il testo collega le emozioni all’esperienza didattica, il corso fornisce tutti gli strumenti e i chiarimenti necessari perché nulla sia improvvisato; le emozioni positive vengono plasmate, a seconda delle materie trattate, attraverso le schede contenute nel libro. L’obiettivo è valorizzare l’apprendimento così che possa accrescere anche l’autostima e non minarla.
    Il libro ci chiede: chi è il cugino Pino?
    Il corso ci invita a riflettere su questa domanda perché è attraverso questo personaggio che si vive la sua storia, ma non solo, getta anche le basi per il riconoscimento individuale,per riconoscere se stessi e la propria identità all’interno del contesto in cui si vive, a questo proposito il corso pone l’accento su due sentimenti che a volte sono considerati negativi come la tristezza e la rabbia,ma che invece andrebbero vissuti nel modo giusto e legittimati nel rispetto delle situazioni che il bambino vive, tuttavia se noi per primi non sappiamo gestirli come potremo guidare il bambino in questo? Il corso offre molti spunti di riflessione per gli insegnanti ed educatori.
    Un’ altra componente importante è la comunicazione non verbale, questo ci pone come spettatori privi di giudizio nei confronti del bambini e le materie degli insegnamenti curriculari diventano lo spunto per affrontare nuove tematiche emozionali che appartengono alla realtà del bambino e questo attraverso l’utilizzo dei colori.
    È una vera esplorazione degli stati d’animo, dalla solitudine al capriccio, dalla rabbia all’inganno, alla paura, imparare a gestirli nel modo giusto è fondamentala anche al fine di prevenire atteggiamenti negativi in futuro.

  13. la magia del viaggio che conduce alla felicità

    5

    Chi è Pino? Io, tu, noi, tutti, una persona, un animale, un oggetto…
    E chi può incontrare il cugino Pino? Un povero essere solitario, senza famiglia, senza amici, allontanato dal villaggio, obbligato a vivere solo, sempre solo… Meglio litigare che stare sempre solo!!! L’urlo disperato di chi è reietto, di chi trova pace solo durante la notte ammaliante… La magia ci conduce in questo percorso, aiuta a superare paure e inganni, scoprendo che la più grande magia è l’amicizia, che valica ogni ostacolo e vince ogni timore.
    Il polpo Carlino e la seppia Pino ci conducono alla scoperta di educazione civica, educazione ambientale e soprattutto educazione all’affettività, senza la quale ogni sapere è vano. Amore che si manifesta anche attraverso il rispetto degli animali, il cui maltrattamento è reato.
    La vicenda del nostro sfortunato, piccolo protagonista termina con il migliore lieto fine: ritrova la famiglia, viene riammesso nel villaggio, frequenta la scuola e trova tanti amici, anche se un posto speciale nel suo cuore è riservato al magico cugino Pino.

  14. Lascia fluire la fantasia!

    5

    Catturare l’attenzione dei bambini magicamente si può. Il videocorso La strana magia del cugino Pino mette a disposizione una metodologia molto interessante di svariate attività che si possono proporre agli alunni.
    Vengono sviluppati dei concetti centrali che danno la possibilità di conoscere meglio i bambini ma anche i comportamenti che noi adulti attuiamo nei confronti dei più piccoli.
    I temi affrontati sono svariati, spiegati in modo semplice e diretto. Con il lavoro di squadra i bambini scoprono dei valori fondamentali quali il valore dell’amicizia, della solidarietà, della cooperazione.
    Ascoltare e apprendere a scuola diventa così un gioco e non più un obbligo.
    Inoltre si possono trovare dei suggerimenti davvero preziosi per quanto riguarda la conduzione delle attività da proporre.

987 STUDENTI ISCRITTI

Carrello

Cerca un corso

Featured Testimonial

0

0
 
X